CSI: Passo falso interno

Sconfitta interna per la Bitways che chiude (forse) il discorso per la corsa ai playoff. Peccato, perché i nostri hanno messo in campo un’altra bella prestazione, dimostrando di aver ritrovato la forma di inizio campionato.

Dopo 35 minuti punto a punto, gli ospiti sono riusciti a far la differenza nei minuti finali, grazie a un pizzico di esperienza e malizia in più. Arbitra Marzocchi, e chi sennò!

La Bitways parte col quintetto “giovane e veloce” (Niki, Kappa, Ghesup, Cerfe, Mazz). La tattica e il copione sono i soliti. Quando difendiamo aggressivi, recuperiamo palloni e poi corriamo in attacco. E anche quando non corriamo abbiamo fiducia e troviamo buoni tiri. Quando ci abbassiamo in difesa, gli ospiti si “riposano” in attacco, girano palla con pazienza fino a “trovare” i loro lunghi fermi come dei pali, ma grossi come montagne, che non riusciamo ad arginare e ci castigano da sotto, oppure trovano lo scarico giusto per gli esterni. Poi a noi tocca di attaccare a difesa schierata, la palla non gira più e forziamo tiri 1 contro 5.

Andando a sprazzi si procede punto a punto fino all’intervallo in perfetta parità (34–34). L’inizio del secondo tempo dei nostri è da sogno. Con tre difese asfissianti produciamo tre recuperi e altrettanti contropiedi al ferro. Andiamo a +6. Inizio della fuga? Magari! Gli Stone Head fedeli alla loro fama “sbroccano” e mollano la partita? Macché! Noi come ci gasiamo ci sgonfiamo, commettendo l’errore di rilassarci in difesa. Le “teste di pietra”, oggi in versione formichina, gestiscono piano piano tre attacchi da fermi in cui trovano tre canestri facili facili da sotto e siamo di nuovo pari.

Tolto questo strappo, la partita riprende il copione punto a punto dei primi venti minuti. La differenza la faranno i minuti finali. E purtroppo la faranno a favore degli ospiti. I ravennati mettono in campo tutta la loro esperienza. Nel finale tutti gli episodi sono a loro favore e non è un caso. Una palla vagante su cui arrivano prima loro, un canestro fortunoso dopo un rimbalzo lungo in attacco. Per contro noi sbagliamo un paio di canestri solo da appoggiare al tabellone. Stavolta siamo noi ad andare a -6 con la differenza che ci manca la pazienza. Nella fretta di recuperare commettiamo troppi falli in difesa regalando tiri liberi e in attacco col “ciapa e tira” finale spariamo solo a salve.

Bitways Fusignano - Stone Head Ravenna 58-70 (16-19; 34-34; 47-47)

Punteggi individuali: Niki 25, Kappa 9, Ale, Cerfe 10, Baro 2, Mazz 2, Ghesup 4, Adri, Enri 6, Pellicc.

Post recenti

Aronne Gardini Basket 2001 Fusignano