LA NOSTRA STORIA

Qualche anno fa c’era un gruppo di ragazzi di Fusignano che aveva un Sogno…

 

Dopo aver giocato da piccoli nelle giovanili del proprio comune, speravano di poter continuare a far parte della società di Basket che li aveva cresciuti. Per un motivo o per l’altro, questo non successe e così quel gruppo di amici decise di portare avanti le cose con le proprie forze. È così che è nata la nostra prima società.

 

Per scherzo o per necessità, alcuni di noi hanno cominciato a pensare allo sport, al nostro sport, non solo come a un passatempo o una attività fisica, ma come una passione, un motivo per cui vale la pena fare dei sacrifici e a cui dedicare il proprio tempo libero. Fin dai primi momenti capimmo che non bastava raggruppare alcuni amici e partecipare a un campionato amatoriale, per realizzare il nostro sogno dovevamo fare di più, dovevamo crescere come persone, come dirigenti e come tecnici.

 

Per questo motivo, dopo alcuni anni passati a farci letteralmente le ossa in campionati minori, gli eventi ci spinsero a cercare qualcosa di più, anche allontanandoci dal nostro paese di origine. Chi andò a giocare a Russi, chi a Faenza e chi rimase a Fusignano, in altre realtà diverse dalla nostra.

 

Rientrati “in patria” ci aggregammo alla Polisportiva Maiano Monti, dando vita al settore Basket, che esiste tuttora. Purtroppo, dopo pochi mesi, si evidenziarono distanze tra il nostro gruppo e la dirigenza della Polisportiva tali da non essere sostenibili per più di un anno. I successi e le soddisfazioni che la squadra otteneva in campo non viaggiavano di pari passo con gli obiettivi della Polisportiva, così prendemmo la decisione di spostarci nuovamente per cercare quell'indipendenza che non riuscivamo a trovare in casa nostra.

 

Come un figlio che abbandona il luogo natio, emigrammo a S. Agata, per cercare di dare la svolta decisiva. Il nostro sogno di creare una prima squadra che partecipasse a un campionato di buon livello e a cui affiancare un settore giovanile, partendo dal minibasket, ha sempre avuto la precedenza anche sulla nostra comodità di giocare vicino a casa. Se avessimo deciso di rimanere a Fusignano, avremmo solo rubato aria alla Polisportiva, dividendo lo spazio dedicato alla pallacanestro che noi, invece, abbiamo sempre voluto moltiplicare.

A S. Agata affrontammo molte difficoltà, riuscendo però a incontrare altri ragazzi giovani come noi e, soprattutto, più giovani che hanno condiviso il nostro sogno. Su di loro si fondano, da allora, le speranze della nostra prima squadra ed è a loro che vorremmo si ispirassero le future generazioni di cestisti fusignanesi.

Con il passare del tempo ci siamo sempre più specializzati: c’è chi ha appeso le scarpe al chiodo per poter meglio dedicarsi all’allenamento, chi ha cominciato ad avere le prime esperienze come istruttore di minibasket, chi ha imparato a conoscere sempre più a fondo i meccanismi dell’organizzazione di una società sportiva, chi è cresciuto come giocatore e come guida in campo di una Squadra vera.

Eravamo quindi pronti per tornare a Fusignano.

Tre avvenimenti sono stati fondamentali per il nostro ritorno. L’inserimento in squadra di altri ragazzi di Fusignano che sono entrati (o tornati) a far parte attiva del nostro gruppo, la nostra ricerca costante di uno spazio nelle strutture sportive comunali e soprattutto l’inizio, del tutto sperimentale, dell’attività giovanile a Fusignano.

Ora la nostra prima squadra milita attualmente nel campionato di Promozione, i veterani competono nel campionato amatoriale CSI Romagna, ma la nostra vera linfa vitale sono i giovani: al momento abbiamo tre formazioni giovanili iscritte ai relativi campionati per fascia d'età (Under18, Under16 e Under14) e altrettante squadre di minibasket (Esordienti, Aquilotti e Scoiattoli). Una società pienamente calata nel tessuto cittadino e che conta circa 150 tesserati.

Il cammino non è stato facile e non lo è nemmeno ora che siamo cresciuti di numero: l'impegno personale richiesto e la difficoltà nel reperire le risorse necessarie per sostenere tutta la struttura non sono compiti da poco. Noi continuiamo a credere e prodigarci perché il nostro Sogno si avveri ogni giorno.

 

Aronne Gardini Basket 2001 Fusignano